Conosciamo Sara e Pietro

Sara e Pietro sono due giovani sposi che hanno scelto di dedicare un periodo della loro vita all'avviamento delle attività sanitarie nel nuovo ospedale di Adwa.
Il loro contributo è molto importante per la preparazione delle infermiere e delle ostetriche, dal momento che mediamente un laureato etiope ha assistito una sola volta ad un parto, assieme a tutta la classe di un centinaio di studenti...

Abbiamo chiesto loro di raccontarci come sta andando il corso, quali sfide affrontano, cosa li aiuta a superarle.

 

Buona lettura!


Sono quasi passati due mesi dal nostro arrivo in terra etiope, ma la sensazione che abbiamo è di essere qui da ben più tempo, tanto sono state intense le prime settimane.

Il nostro compito principale ad Adwa è quello di avviare l’attività dell’Health Center (prima ala del nuovo ospedale) e siccome il lavoro da fare non manca, dopo un breve periodo di adattamento iniziale, ci siamo subito rimboccati le maniche.

Il primo impatto con la realtà della missione delle Suore Salesiane ci ha lasciato senza fiato, soprattutto considerando le dimensioni del progetto del nuovo ospedale. Poco per volta, anche grazie al sostegno di tutti i volontari della missione, ci sembra di avere individuato le priorità su cui concentrarci: l’allestimento dell’edificio, l’organizzazione dei servizi e la preparazione del personale.

Abbiamo cominciato la formazione delle infermiere già presenti in missione con il supporto di Julia, infermiera italiana volontaria, affrontando argomenti teorici e pratici che saranno loro utili nella cura dei pazienti.
Parallelamente seguiamo all'interno della Missione, con l’aiuto di Sister Pauline (suora del Cottolengo), l’attività dell'ambulatorio dedicato a studenti e lavoratori della missione, nonchè la degenza nella piccola clinica provvisoria che era stata allestita per le persone con situazione di urgente bisogno.

La vita ad Adwa scorre piacevolmente tra le attività quotidiane e la scoperta di nuovi luoghi e persone. Il lavoro ogni tanto è faticoso e complesso, ma ci dà forza sapere di tante persone come voi che, da vicino o da lontano, ci sostengono e hanno fiducia nell’operato della Missione.

Per quanto ci riguarda, mettiamo a disposizione la nostra esperienza e le nostre competenze perché crediamo nella forza di questo progetto e vorremmo aiutare a realizzarne anche solo una piccola parte… noi faremo del nostro meglio!

Un saluto da Adwa

Pietro e Sara